Progettare casa o disegnare casa?

0
107
progetto casa disegno casa

Progettare casa o disegnare casa? Qual’è la differenza fondamentale?

Il progetto di un casa deve soddisfare le esigenze di chi ci abiterà

A cosa serve una casa?

progetto casa disegno casa

Anche un bambino ha la sua idea di casa

Alla domanda, a cosa serve una casa, possono seguire molte risposte tutt’altro che banali.
Per alcuni la casa è semplicemente il luogo dove si vive , per altri anche un rifugio dove rilassarsi, riposarsi e cercare protezione.
Molti pensano alla casa come sinonimo di famiglia, ove è possibile essere se stessi senza condizionamenti, dove le forme e gli stili esprimono la propria personalità. Nel tempo le abitazioni sono cambiate negli stili architettonici, nelle strutture e nei materiali utilizzati; in tutte le epoche si possono scorgere segni distintivi. Una sola cosa, comune a tutte le case grandi o piccole, non è mai cambiata, la sua funzione di accoglienza.
Dunque è questo l’elemento più importante di una casa, la sua funzione, cioè la capacità di soddisfare le esigenze di chi ci abita.
Esigenze comuni a tutti, che soddisfano in genere i bisogni primari: la casa deve essere confortevole, sicura e dare protezione.
Quando si entra in casa, chiudendo la porta dietro di noi, chiudiamo fuori il mondo.

Gli strumenti per disegnare si sono molto evoluti per progettare meglio

Oggi i progettisti hanno a disposizione molti strumenti CAD (disegno assistito dal computer) 2D e 3D che permettono di ottenere dei risultati più realistici e accurati, ma il compito del progettista non è solo quello di disegnare la casa, ma quello di dare corpo e anima ai nostri sogni e alle nostre esigenze, traducendole in tecnica nel rispetto delle normative.

Progettare è come sognare di vivere in una casa mentre la si sta disegnando

Può capitare che, andando a casa di conoscenti, ma anche di sconosciuti, ci accorgiamo di quanto loro siano in armonia con la casa che abitano, anche se si tratta di una casa all’apparenza non eccezionalmente bella ne riccamente arredata, magari piccola.
Quello che avvertiamo è che quelle persone vivono l’ambiente: gli spazi, gli arredi, le luci, i colori, sono i loro spazi, i loro arredi, le loro luci, i loro colori.Si comprende allora la differenza che c’é tra una casa progettata ed una disegnata.Il sottile filo che le distingue sta nell’averci pensato prima, nell’aver ricercato il proprio modo d’essere e nell’essere riusciti a tradurre sogni ed aspettative in un progetto. Progettare è come sognare di vivere in una casa mentre la si sta disegnando.L’ambiente che chi dovrà abitare in una casa immagina e sogna deve essere vissuto nel nostro pensiero ancor prima che la casa sia messa su carta, per non correre il rischio di pentirci delle nostre scelte trovandoci in una dimora magari bella ma estranea e fredda.

Al centro del progetto chi abiterà la casa

Forse una persona alla quale aprirci per spiegare come dovrebbe essere la “nostra” casa non basta; www.lacasagiusta.it vi permette attraverso il forum e i consigli di trovare qualche strumento in più per costruire prima i vostri sogni e poi il progetto della casa giusta per voi.La casa giusta nelle intenzioni dei suoi progettisti è nata appunto per permettere un confronto di idee legate al mondo della casa e al viverla in armonia.L’approccio progettuale che intendiamo seguire non metterà al centro dell’ attenzione solo la struttura inanimata della casa, ma in primo luogo il soggetto che dovrà abitarla.

Leave a reply

More News