Sicurezza bambini in casa: la cameretta del bambino

0
58
cameretta

La cameretta del bambino

Progettare una stanza sicura

La cameretta è la stanza più importante per il bambino, in quanto vi passa la maggior parte delle ore della giornata giocando e della notte dormendo. Per questo motivo è molto importante che il piccolo si possa muovere in una stanza pensata e progettata per lui, tenendo conto delle sue esigenze e dei pericoli che può correre.

L’arredamento a prova di bimbo

Cameretta per bambini

Cameretta per bambini

Sono da preferire i mobili:

– senza spigoli appuntiti;

– senza maniglie e ripiani sporgenti (altrimenti il bambino potrebbe usarli per arrampicarsi);

– costruiti con materiali atossici e antincendio;

– lisci e solidi.

Il lettino deve avere sponde di almento 75 cm, con sbarre distanti l’una dall’altra al massimo 8 cm per evitare che il piccolo infili la testa, le gambe o le braccia; è importante che non ci siano fessure nelle quali possano rimanere intrappolate le dita del bambino.

Se ci sono radiatori si possono mettere in sicurezza, per evitare contusioni da urto, applicando degli anelli di plastica colorati, che possono essere facilmente reperiti presso i negozi specializzati di articoli per bambini.

Il pavimento della cameretta 

pavimento cameretta

Tipi di pavimenti per la cameretta

Per il pavimento della cameretta sono da preferire i materiali elastici quali il legno o la gomma che, oltre ad attenuare eventuali cadute, hanno il pregio di essere più caldi se il bambino camminasse scalzo.

Per lo stesso motivo sono sconsigliati pavimenti lisci e freddi come il marmo.

La moquette, pur essendo morbida e calda, è da evitare perché trattiene la polvere e quindi favorisce la presenza di acari che possono causare allergie.

La collocazione della cameretta

cameretta

Corretta collocazione della cameretta nell'abitazione

All’ interno della casa la cameretta del bimbo deve essere posizionata vicino alla camera da letto dei genitori, in modo tale che il bimbo possa comodamente essere controllato e sentito durante il sonno, e alla zona giorno, in modo che gli adulti possano controllare il piccolo mentre gioca.

Finestre e balconi in sicurezza

Le finestre non devono essere aperte dal bambino, che potrebbe affacciarsi con grande pericolo, e neppure essere accessibili tramite piani di appoggio (mobili, sedie, caloriferi); è importante applicare sempre un apposito gancio di sicurezza, inaccessibile al bambino.

Se esse si trovano posizionate ad un livello basso, devono essere installate a livello di sicurezza delle inferriate esterne o un vetro antisfondamento interno.

Sono da preferire le aperture a “vasistas”, in quanto sono le più sicure per evitare cadute e sono obbligatori i vetri temprati (non rilasciano frammenti in caso di rottura).

Sicurezza bambini in casa

Sicurezza bambini in casa: la ringhiera A non rispetta le norme di sicurezza La ringhiera B è corretta

Se la camera possiede un balcone, ringhiere e parapetti devono avere:

– barre verticali poste a distanza inferiore a 10 cm (per evitare che il piccolo riesca a intrufolarsi tra una e l’altra);

– elementi orizzontali ad altezza superiore ai 75 cm;

– altezza superiore ad un metro (per evitare che il piccolo si arrampichi);

– barrette prive di modanature trasversali o inclinate che possano costituire invito per i bambini ad utilizzare le ringhiere come scalette per sporgersi pericolosamente all’esterno.

Anche se la ringhiera rispetta i parametri di sicurezza si deve fare attenzione a non lasciare sul balcone oggetti che potrebbero aiutare il piccolo ad arrampicarsi, come fioriere o sedie.

Se la ringhiera non rispetta i parametri di sicurezza sopra descritti, finché il bambino non sarà cresciuto, si potranno proteggere le ringhiere con delle reti.

Leave a reply