Un soppalco da Progettare ed Arredare

0
230
Il Soppaco

Un soppalco da Progettare ed Arredare

Ricavando un nuovo spazio soppalcato per un totale relax

Progetto del soppalco: PIANTINA DELL'APPARTAMENTO In giallo le pareti demolite, in rosso le nuove in muratura, in blu le nuove in cartongesso

In un appartamento di dimensioni medio piccole si è riusciti a ricavare un soppalco per creare un’area relax tranquilla e appartata all’interno della casa.

Realizzare un soppalco

PIANTINA DEL SOPPALCO In rosso le nuove pareti, in giallo le demolizioni

Come richiesto dal proprietario il progetto ha interessato la zona giorno, la zona notte ed il soppalco dell’appartamento, si è cercato in particolare, modificando la scala di accesso al soppalco, di creare una piccola cabina armadio che sfrutti lo spazio del sottoscala, il tutto senza modificare le dimensioni della camera da letto.

Progettare e costruire un soppalco

1. ZONA GIORNO

La zona giorno è stata trasformata in un grande open space la cui suddivisione delle zone (pranzo, cucina, relax) è ottenuta esclusivamente dalla disposizione degli arredi.

a. L’INGRESSO

L’ingresso risulta separato dal resto della zona giorno grazie alla parete divisoria con l’angolo cottura che è stata lasciata nella posizione originaria e leggermente allungata.
Il percorso d’ingresso, ribassato grazie alla presenza del soppalco, può essere illuminato da dei faretti da applicare sotto al soppalco stesso.

b.IL SOGGIORNO

Il soggiorno occupa la parte più luminosa della stanza ed è abbastanza spazioso per contenere due divani due posti disposti tra loro perpendicolarmente (o in alternativa un divano angolare ad L) ed un mobile porta TV. Essendo l’ultimo tratto della portafinestra fisso è possibile arredare gran parte della parete in basso nel disegno con una parete attrezzata.
Il tavolo del soggiorno dovrebbe preferibilmente essere di tipo quadrato o rettangolare allungabile all’occorrenza.

c. LA CUCINA

La nuova cucina risulta più spaziosa dell’esistente grazie alla demolizione della parete che la separava dal soggiorno.
Per poter far stare un’isola è necessario lasciare l’angolo cottura aperto sul soggiorno in quanto realizzando una parete divisoria non ci sarebbe più spazio sufficiente per far stare il tavolo da pranzo, infatti tra i mobili della cucina e l’isola è necessario, per potersi muovere agevolmente, lasciare uno spazio di almeno 100/120 cm. La funzione divisoria è ora espletata dall’isola (penisola) che a piacere potrà essere semplicemente un piano snack dotato di sgabelli, come quello nel disegno oppure un vero e proprio piano di lavoro nel quale magari collocare il lavello o la zona fuochi.

2. LA ZONA NOTTE

L’ingresso alla zona notte avviene da un piccolo disimpegno che ha anche la funzione di antibagno.
Modificando la scala di accesso al soppalco tale disimpegno è stato leggermente rimpicciolito a favore della cabina armadio.

a. IL BAGNO DELLA CAMERA MATRIMONIALE

Forma e dimensioni del bagno esistente sono rimaste inalterate per non modificare l’attigua camera da letto. Consigliamo solo di spostare leggermente la porta d’ingresso al bagno, e magari di sostituirla con un modello scorrevole, e di cambiare la disposizione dei sanitari come nel disegno, questo per poter collocare all’interno della stanza un mobile sottolavabo di dimensioni medio grandi, molto utile in un bagno di piccole dimensioni in cui non c’è altrimenti spazio per dei mobiletti porta oggetti.

b. IL BAGNETTO

Nel bagnetto, date le dimensioni limitate della stanza, si consigliano piccoli sanitari con forme arrotondate. La doccia può essere rivestita con mosaico dello stesso colore delle piastrelle del bagno ma di qualche tono più scura.
Il segreto per far sembrare più grande un bagno di piccole dimensioni è di:
– utilizzare piastrelle piccole e lucide piuttosto che opache;
– scegliere un colore luminoso ed evitare i toni troppo scuri o cupi;
– eventualmente proseguire con le stesse piastrelle utilizzate per il pavimento sino all’altezza del lavabo.

Il Soppaco
3. IL SOPPALCO

Si è ingrandita la parte soppalcata estendendola sino sopra al percorso d’ingresso, lo spazio a disposizione per creare una zona relax è ora abbastanza ampio per collocarvi una libreria dotata di ripiano porta TV, un divano tre posti trasformabile in letto matrimoniale ed una poltrona.
La parte sopra all’ingresso, altrimenti poco sfruttabile dal punto di vista pratico perché stretta, può a piacere essere chiusa con due paretine in cartongesso (più leggere rispetto ad un muro in mattoni) per creare un ripostiglio.

Leave a reply

More News